Internet: questo nostro amico-nemico!

Dalla penna del nostro “corrispondente” Massimiliano Sciò è partito un’altro interessante argomento di discussione che sarà pubblicato sul prossimo numero di Job In Tourism in uscita a fine Agosto.

VADO IN VACANZA  A VISITARE….INTERNET!!!!                            

Per chi come il sottoscritto, lavora alla reception di un albergo e’ sconfortante vedere che, la maggiore attrazione per i turisti, che vengono in citta’ non sono i siti archeologici o le opere d’arte, bensi’ i siti….internet!
Ci sono ospiti, che si fermano in albergo  tre o quattro giorni e avrebbero molti luoghi da visitare e invece cosa fanno per buona parte del giorno? Si fermano nella hall e navigano in internet. Ora, capirei se fossero clienti, che vengono per lavoro, ma sono almeno sulla carta, turisti a tutti gli effetti e dovrebbero essere motivati ad andare alla ricerca delle bellezze della citta’. Niente da fare: pur avendo viaggiato da un continente all’altro, alla fine la realta’ virtuale vince su quella reale.
Ricordo ancora una coppia di americani, i quali si fermarono cinque giorni. Per quasi tutto il giorno navigavano in internet. La penultima sera vennero da me chiedendomi cosa ci fosse da vedere in citta’. Un po’ sarcasticamente risposi loro “oltre ad internet?”.
Il dato allarmante e’ che non riguarda soltanto i turisti provenienti dagli  Stati Uniti, ma anche visitatori provenienti da altri continenti. L’unico dato confortante proviene proprio dai turisti italiani, che ancora si godono le vacanze e visitano tutto e di piu’,  non cercando quasi mai la postazione internet.
So che esiste una vera e propria sindrome legata al troppo tempo passato su internet , e’ una vera e’ propria droga e c’e’ addirittura chi da’ segni di nervosismo, se non riesce a connettersi. E questo ho potuto constatarlo in clienti, che non riuscivano a connettersi immediatamente.Venivano da me dicendo, che la connessione non funzionava, quando invece erano loro ad aver sbagliato ad immettere i dati necessari.
Una volta arrivando in albergo, il cliente chiedeva se la camera era con vista, o interna, se era una bella camera confortevole, oggi queste domande sono cancellate e uno solo e’ il quesito dei clienti: se c’e la connessione in hotel.
Alcuni poi, come i clienti di cui parlavo sopra, pretendono di vedere tutto in un giorno, dopo aver speso gli altri giorni sul video del computer. In piu’ questi turisti saranno molto delusi se in quella mezza giornata, che rimane loro non avranno visto tutto. E tornando a casa racconteranno, che non c’era poi molto da vedere.
Eppure non mancano le guide, che vengono date al momento dell’arrivo, le piantine della citta’, con i punti dettagliati da visitare, anzi da non perdere. Ma non c’e’ nulla da fare, il richiamo del video sara’ piu’ forte.
E’ un nuovo turismo quello nascente, ma che perde molte occasioni di conoscere i luoghi dove si trova, spende molti soldi(aereo, treno, alberghi), per rimanere collegato ad internet e scollegato pero’, dalla realta’.
Cordialmente
Massimiliano Scio’- Roma – Hotel DUCA D’ALBA

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Editoriale. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...